Teatroterapia - Associazione Politeama

Vai ai contenuti

Menu principale:

Spoon River

gli spettacoli

Teatro della Spontaneità

presenta


 SPOON RIVER E ALTRE STORIE

da Edgar Lee Masters


CON:
Barbara Forghieri
Chiara Tovagliari
Cristina Ruscica
Enrico Re
Gabriella Posa
Gloria Manfredi
Laura Sabato
Manuela Faccoli
Marcello Turco
Marianna Signato
Marzia Rainoldi
Matteo Giacobazzi
Nicola Michele

REGIA:
Roberto Motta

IMPIANTO SCENICO:
Giovanna Di Lonardo

SUPERVISIONE ARTISTICA:
Walter Orioli

Nato sulle colline del lago di Como, in un borgo medioevale, lo spettacolo scaturisce da una rilettura della famosa “Antologia di Spoon River” di E. L. Masters. Donne e uomini raccontano la loro storia che si unisce ed intreccia con quella di altri personaggi. Storie apparentemente così lontane da noi, ma capaci di farci riflettere sul significato di una parola fondamentale: Vita.
Lo spettacolo ha avuto il suo debutto ufficiale il 20 marzo 2004 al Teatro Villoresi di Monza.

da "Il Cittadino" di giovedì 25 marzo 2004
Gli interpreti hanno scelto: musica e movimento
SPOON RIVER, DALLE LIRICHE ALLA REALTA'
Teatro della Spontaneità fa rivivere i personaggi della grande antologia
"[...] il Teatro della Spontaneità ha affrontato - e lo ha fatto con esito felice - un pezzo classico della poesia. Della poesia americana: "Spoon River". [...]
La regia di Roberto Motta ha ricevuto un valido supporto nella scelta delle poesie, effettuata dagli stessi interpreti, tredici in tutto, e nell'impianto scenico ideato da Giovanna Di Lonardo.
Ogni attore e attrice ha individuato e "cucito" su di sé la lirica che riteneva più adatta [...]
Non si è trattato di un collage o di una semplice declamazione dei testi. Musica, movimento, semplici coreografie, canto, hanno contribuito a dare smalto ai personaggi. semplice, spontanea, ma convinta la recitazione.
La scenografia - costellata di elementi naturali, e per le parti più rappresentative costituita da fili (una grande rete sullo sfondo, una gigantesca tela di ragno sul proscenio) - se da un lato creava un ambiente claustofobico, dall'altro lasciava, psicologicamente, spazi aperti, vie di fuga ai personaggi. Al termine della rappresentazione applausi calorosi."
Modesto Panizza

 
Torna ai contenuti | Torna al menu